mercoledì 24 Luglio 2024
/ 17:30

VASCO BRONDI

Un segno di vita
Frontone
PU
Eremo di Santa Maria dell’Acquanera
prati-colorata
CONCERTO SUI PRATI
concerto-accessibile-colorata
CONCERTO ACCESSIBILE

Condividi sui Social:

Programma

Vasco Brondi

 “Un segno di vita”

 

Scritto da Vasco Brondi, Un segno di vita è un disco figlio della volontà di raccontare la contemporaneità, senza mai dimenticare la scintilla di eternità che deve esserci in ogni cosa. Questo disco è popolato da persone, alberi, laghi e vulcani, tutti incontrati durante il corso delle sue sessioni di scrittura – Ci sono le città ma anche le montagne, le colline, la cascate, i laghi, il mare, le strade tortuose, i viali, le stelle e i fanali delle macchine – racconta il cantautore.

 

La novità di questo album si può scorgere a partire dalla musica e dalle produzioni che lo compongono, che segnano un nuovo tassello per quanto riguarda il percorso artistico del cantautore, sempre propenso ad evolvere e allargare i confini della sua musica. Vasco Brondi per questo nuovo viaggio musicale sceglie infatti dei compagni di viaggio d’eccezione: hanno contribuito alla ricerca del sound perfetto per questo disco produttori e musicisti del calibro di Federico Nardelli, Matteo Cantaluppi e Federico Dragogna, eccellenze nel panorama musicale contemporaneo.

 

Più del resto, in Un segno di vita si possono scorgere tanti fuochi, che possono distruggere o illuminare, bruciare o scaldare. Le canzoni che lo compongono sono fatte di ritornelli cantati forte, della vita di Vasco Brondi degli ultimi anni e degli incontri che sono stati tradotti in musica.

 

Questo disco rappresenta per il cantautore l’inizio di un nuovo percorso rispetto a quello che lo ha condotto fino a qui – “una strada che non conosco, ma percorrendola la costruisco” – e da queste canzoni è nato un album che tocca sonorità e territori inesplorati. Nel diario di lavorazione conclude dicendo che approcciarsi alla scrittura di un nuovo disco “è ogni volta come togliere uno strato ulteriore e andare più nel profondo, avvicinarsi al nucleo incandescente della Terra e di noi stessi e vedere cosa succede, condividerlo con gli altri”.  

 

In Un segno di vita il cantautore ha arricchito le canzoni di suoni e umori presi a diverse parti del mondo, nei brani che lo compongono si percepisce la contaminazione delle letture – diverse, da Roberto Bolaño a Pasolini, passando per Grazia Deledda e Amelia Rosselli –  e dei viaggi tra Val D’Aosta, Canarie e deserto che hanno scandito le diverse fasi di scrittura di questo disco.

 

VASCO BRONDI

Un segno di vita

Eremo di Santa Maria dell’AcquaneraFRONTONE (PU) ore 17:30

 

PERCORSO 1 (SOLO ANDATA) dal parcheggio all’area concerto

 

Il percorso parte dall’area sfalciata adibita a parcheggio, per affrontare quello che sarà l’itinerario di sola andata fino all’area concerto. Si sale costantemente lungo una sterrata forestale che presenta diversi tratti di terreno incoerente, e che quindi richiede particolare attenzione, ma che è anche un antico tracciato dove ogni anno, l’8 settembre in occasione della natività della Madonna, i fedeli salgono in processione lungo la via Crucis fino al santuario. 

 

PERCORSO N.1 SOLO ANDATA

 

DISTANZA: 1,5 km

DISLIVELLO positivo: + 242 mt

DISLIVELLO negativo: – 4 mt

QUOTA max: 733 mt

QUOTA min: 495 mt

TEMPO MEDIO DI PERCORRENZA: 1.15 h

 

DIFFICOLTA’: equiparabile a E (Escursionistico – itinerario su sterrata forestale con fondo incoerente segnalato RisorgiMarche)

 

PERCORSO 2 (SOLO RIENTRO) dall’area concerto al parcheggio

 

Il percorso 2 di rientro si sviluppa lungo una panoramica carrareccia che presenta un tracciato più lungo ma più agevole rispetto al Percorso 1, sempre segnalato RisorgiMarche e presidiato. Si consiglia di portare una frontale o una lampada per muoversi in sicurezza durante il rientro previsto all’imbrunire. 

 

PERCORSO 2 SOLO RIENTRO (area concerto>parcheggio)

 

DISTANZA: 4,0 km totali (area concerto>parcheggio)

DISLIVELLO positivo: + 18 mt

DISLIVELLO negativo: – 236 mt

QUOTA max: 712 mt

QUOTA min: 481 mt

TEMPO MEDIO DI PERCORRENZA: 1.30 h 

 

DIFFICOLTA’: equiparabile a T (Turistico – itinerario su percorso sterrato segnalato RisorgiMarche)

 

NOTE DI ATTENZIONE: Il Percorso n.1 sarà segnalato e presidiato solo per l’andata (dal parcheggio fino all’area concerto). A fine concerto, per il deflusso, seguire le indicazioni del Percorso n.2 (vedere indicazioni sulla mappa), mentre dal Percorso n.1 verrà rimossa la segnaletica e non sarà più presidiato.  I due percorsi non sono adatti al trasporto di passeggini, e non presentano fonti d’acqua potabile, ma poco distanti dall’area concerto saranno disponibili degli stand ristoro con prodotti alimentari. Vi ricordiamo di seguire i consigli riportati nel sito di RisorgiMarche per quanto riguarda l’abbigliamento adeguato, scarpe da trekking, e quant’altro necessario.

Eremo di Santa Maria dell’Acquanera

Anche quest’anno RisorgiMarche torna nella bellissima Frontone, in un’area naturale fra i monti ricca di percorsi e natura, dove a circa 700 mt s.l.m. sorge l’Eremo di Madonna dell’Acquanera, alle pendici del Monte Acuto, vicini al Massiccio del Catria e al monastero di Fonte Avellana.  Le testimonianze sulla chiesa risalgono al 1290. La struttura è stata realizzata in pietra e al suo interno si può ammirare un portale romanico, un grande arco a tutto sesto, un altare costituito da una nicchia con ornamento ligneo, dove è collocata la scultura in terracotta della Madonna con il Figlio sulle ginocchia, opera di Antonio Durante del 1518.