fbpx
Me
domenica 23 Luglio 2017
/ 16:30

Bungaro

Pintura del Bagnolo
Fiastra / San Ginesio / Sarnano
MC

CONCERTO SUI MONTI

CONCERTO ACCESSIBILE

Condividi sui Social:

dal cancello di Coldellaio (San Ginesio) fino al Santuario di San Liberato 55 minuti (3,2 km su strada asfaltata) Ascesa 255 m Altitudine 778 m.
A seguire servizio bus navetta gratuito per circa 6 km fino al cancello di Pintura del Bagnolo. Altitudine 1.322 m.

‘- Da Macerata: dopo Sforzacosata, prendere la SS 78 fino a Pian di Pieca. Alla fine del lunghissimo rettilineo, si arriva alla Fraz. Coldellaio.

– Da Ascoli P.: imboccare la SS 4 “Salaria” ed arrivare a Mozzano. Poco dopo il paese a destra per Comunanza ed arrivare fino ad Amandola. Oltrepassare il paese e proseguire per Sarnano. Giunti a Sarnano proseguire in direzione di Macerata sulla SP 78. Dopo qualche chilometro, superata la frazione Gabella Nuova, si arriva alla Fraz. Coldellaio.

– Da Foligno: SS77 per Macerata e uscire a Caccamo Serrapetrona. Poi la SP 502 per Caldarola-Sarnano. Da Caldarola seguire sempre la SP 502; dopo la frazione Morichella arriverete ad un incrocio: prendere per Sarnano-Amandola (SS 78) e subito dopo arriverete alla Fraz. Coldellaio.

 

Tempi di percorrenza trekking:

dal cancello di Coldellaio (San Ginesio)  fino al Santuario di San Liberato 55 minuti (3,2 km su strada asfaltata) Ascesa 255 m Altitudine 778 m.

A seguire servizio bus navetta gratuito per circa 6 km fino al cancello di Pintura del Bagnolo. Altitudine 1.322 m.

 

Bus navetta:

Chi arriva in macchina potrà usufruire gratuitamente del servizio bus navetta – dalle 11:00 alle 15:45 – dal Santuario di San Liberato (raggiungibile da Coldellaio solo a piedi o in bici dopo 3,2 KM di trekking) fino al cancello di Pintura del Bagnolo.

Dopo il concerto, dallo stesso cancello di Pintura del Bagnolo verrà effettuato il servizio per il ritorno al Santuario di San Liberato dalle 18:00 alle 20:30 dal quale si dovrà poi proseguire a piedi o in bici fino al cancello di Coldellaio.

 

Perchè

RisorgiMarche è un Festival speciale che bisogna affrontare adeguatamente, dedicandogli il giusto tempo.

E’ una sorta di pellegrinaggio laico, un elogio alla lentezza, un modo per riconciliarsi con la natura. Un modo per godere di questa terra, camminando, prendendosi il proprio tempo e gettando lo sguardo verso le tante bellezze che delineano una regione veramente plurale.

È un modo per regalare entusiasmo, emozione e senso di comunità a tutte le persone e le aziende colpite dal terremoto.

È un modo naturale di fare musica, con artisti e pubblico insieme, con il desiderio di aggregare pensieri, parole ed anime.

Lasciamo le piazze, i siti archeologici e i sentieri puliti e belli come li abbiamo trovati: depositiamo i rifiuti negli appositi contenitori differenziati o rimettiamoli nello zaino per vuotarlo poi a casa.

RisorgiMarche è un’esortazione a ripartire attraverso la musica, le emozioni, il sorriso, la solidarietà. Si sviluppa grazie alla generosità di grandi artisti del panorama musicale italiano ed internazionale, al lavoro appassionato di molte persone, a cominciare dal suo ideatore Neri Marcorè, e alle sponsorizzazioni di aziende ed enti che lo sostengono economicamente, in maniera del tutto volontaria e con spirito solidaristico, che qui ringraziamo. Non abbiamo la forza né la pretesa di occuparci di ricostruzione materiale, non ci sostituiamo ai compiti della politica e delle amministrazioni: abbiamo scelto quindi di offrire spettacoli, con l’obiettivo e la speranza di richiamare nella nostra regione più gente possibile, per riavviare un flusso vitale di umanità, di turismo, di indotto, laddove il rischio è l’abbandono, l’impoverimento di un territorio bellissimo. Dopo cinque straordinarie edizioni, confidiamo in una rinnovata partecipazione del pubblico, al quale non si chiede altro che di rispettare la natura e i princìpi sui quali si fonda RisorgiMarche, oltre a una collaborazione positiva e costruttiva, aiutandoci a superare insieme eventuali mancanze o criticità, col costante obiettivo di agire nel meglio possibile per chi sta attraversando gravi difficoltà.

Dove

È un festival ecosostenibile, in luoghi sicuri, accessibili e agibili, scelti sulla base della bellezza e della coerenza con il progetto complessivo, senza luci artificiali, con gli artisti che suonano a contatto con il pubblico nei borghi, nei siti archeologici e in scenari aperti e rappresentativi.

Come/Biglietti

La partecipazione agli eventi a pagamento  prevede due modalità di acquisto, a libera scelta dell’utente:
Biglietto Solidale € 5
Biglietto Sostenitori € 20

 

Come/Mobilità

Le aree dei concerti saranno raggiungibili dopo aver parcheggiato il proprio mezzo a motore sulla pubblica via, rispettando il Codice della Strada.

Si fa presente che RisorgiMarche non è responsabile di eventuali infortuni e/o danni alle persone e/o cose lungo il tragitto per il raggiungimento del luogo dell’evento e che questa responsabilità viene assunta totalmente dai partecipanti.

Modalità ideale
Il modo ideale di partecipare è quello di partire presto per recarsi nel luogo del concerto, visitare i borghi, fare nuovi incontri ed amicizie, apprezzare i prodotti enogastronomici locali, acquistare i prodotti degli artigiani, per poi spostarsi verso il luogo del concerto. L’invito è anche quello di pernottare nella zona, prenotando in anticipo.

Quando

Giugno/Agosto/ Settembre 2022: controllare il calendario in questo sito.
A fine concerto vi chiediamo di collaborare nell’abbandonare il luogo senza assembrarvi, dando la precedenza ai disabili motori.
I luoghi dei concerti e le modalità di accesso possono variare: verificate sempre il programma sul sito e sui nostri social.

In caso di forti precipitazioni il concerto verrà annullato o eventualmente rinviato.

Le Escursioni Guidate

Le escursioni guidate (itinerari di difficoltà “E” escursionistica), che verranno effettuate all’alba o al tramonto con il supporto delle Guide alpine e Accompagnatori di media Montagna del Collegio delle Marche, hanno come destinazione il luogo del concerto, un’occasione anche per visitare le zone circostanti prima o dopo l’evento. Durante l’escursione e il concerto non è consentito portare animali.

Per i concerti escursione all’alba o al tramonto indossate l’abbigliamento adeguato per una camminata in montagna, scarpe comode, abbigliamento da trekking, copricapo. Vi consigliamo di inserire nel vostro zaino acqua a sufficienza, cibo, occhiali da sole, magliette di ricambio, giacca a vento impermeabile con cappuccio (in caso di pioggia), crema protettiva solare, asciugamano, plaid o cuscino per sedersi sul prato e una lampada/torcia a batterie portatile.

Bungaro, “un fuorilegge messo a capo di una sommossa sentimentale”, è un cantautore elegante e un artigiano della musica che ama giocare con le note e le parole, autore di un grandissimo numero di canzoni portate al successo dai più importanti artisti italiani (Mannoia, Vanoni, Ayane, Ferreri, Mengoni, Morandi, Ruggiero, Civello, Magoni, solo per citarne alcuni). Vanta numerose collaborazioni con artisti della scena internazionale, tra cui quella con Ivan Lins (il loro progetto InventaRio ebbe la nomination ai Latin Grammy Awards 2014), Youssou N’Dour, Daniela Mercury, Ana Carolina, Paula Morelembaum, Miùcha Buarque de Holanda, Ian Anderson, Omar Sosa, Lara Fabian. A distanza di cinque anni dal suo più recente album e con una lunga e prestigiosa carriera di 25 anni costellata di brani di successo, Bungaro regala al suo pubblico un nuovo progetto, il primo album dal vivo, Maredentro Live (etichetta Esordisco). L’album contiene una miriade di perle da scoprire o riscoprire, brani riarrangiati e interpretati nel suo stile inconfondibile ed originale

Pintura del Bagnolo

Pintura del Bagnolo fa parte della più nota area dei Piani di Ragnolo, un altopiano di straordinaria bellezza che si trova sulle alture dei Monti Sibillini da cui in ogni stagione dell’anno è possibile ammirare un paesaggio che vi lascerà senza fiato. Da questo terrazzo panoramico la vista spazia a 360 gradi su tutto il territorio circostante e nelle limpide e serene giornate di sole il belvedere è da cartolina: la vista spazia su tutte le Marche arrivando fino al Mare Adriatico ed alle coste croate. L’altopiano è completamente ricoperto di prati e pascoli ed è completamente assente la presenza di alberi e piante, se non qualche sporadico arbusto tipico di queste altitudini. L’area è meta obbligata per tutti gli appassionati di botanica, per via delle numerose varietà floristiche che qui spontaneamente fioriscono e che durante la stagione primaverile ricoprono i prati di splendidi manti colorati quasi come se fossero dei tappeti multicolore.