fbpx
Me
sabato 8 Luglio 2017
/ 16:30

Daiana Lou

Propezzano
Montegallo
AP

CONCERTO SUI MONTI

CONCERTO ACCESSIBILE

Condividi sui Social:

dal varco di Propezzano 52 minuti
(3 km su comodo fondo asfaltato in lieve pendenza) Ascesa 40 metri

dal varco di Polverina 45 minuti
(3 km su comodo fondo asfaltato in lieve pendenza) Ascesa 96 metri

‘- DA MACERATA: prendere la SS 78 direzione Sforzacosta e proseguire per Sarnano. Arrivati al paese seguire le indicazioni per Comunanza. Giunti nella cittadina, tenersi sempre sulla destra (SP 237) direzione Ascoli ma al primo incrocio svoltare a destra verso Montemonaco (SP 86). Superato il lago di Gerosa al bivio proseguire a sinistra in direzione Montegallo.

– DA ASCOLI P.: prendere la SS 4 “Salaria” fino a Mozzano. Appena dopo il paese svoltare a destra verso Comunanza (SP 237). Oltrepassare Roccafluvione ed arrivare a Croce Casale. Proseguire a sinistra sulla SP 67 e continuare fino al bivio a destra per il lago di Gerosa. Superato il lago proseguire a sinistra in direzione Montegallo

– DA FOLIGNO: segui Strada Statale 77 della Val di Chienti in direzione Caldarola. Prendi l’uscita Caldarola e poi  SP502, Strada Picena/Strada Provinciale 78 e SP237 in direzione di Strada Provinciale 86.

Due le aree adibite a parcheggio che generalmente si snodano lungo le sedi stradali.

Una prima area parcheggio è prevista lungo le sedi stradali nei pressi di Polverina dove è collocato l’omonimo cancello (3 km).

Il secondo parcheggio, sempre lungo la sede stradale, nel tratto compreso tra le frazioni di Rascio e Piano sino al cancello di Propezzano (3 km).

Dai cancelli si dovrà proseguire fino al luogo del concerto solo a piedi o in bicicletta.

Chi arriva in bus può scendere direttamente ai cancelli.

Si segnala, con partenza nei pressi della Chiesa di San Giorgio all’Isola, la possibilità di percorrere uno splendido sentiero che costeggia il Lago di Gerosa fino al luogo del concerto (1 ora e 33 minuti – 6 km). La seconda parte di questo sentiero si ricollega al percorso che segue il cancello di Polverina.

Controllate sempre la mappa e le informazioni nel sito www.risorgimarche.it e i social.

Perchè

RisorgiMarche è un Festival speciale che bisogna affrontare adeguatamente, dedicandogli il giusto tempo.

E’ una sorta di pellegrinaggio laico, un elogio alla lentezza, un modo per riconciliarsi con la natura. Un modo per godere di questa terra, camminando, prendendosi il proprio tempo e gettando lo sguardo verso le tante bellezze che delineano una regione veramente plurale.

È un modo per regalare entusiasmo, emozione e senso di comunità a tutte le persone e le aziende colpite dal terremoto.

È un modo naturale di fare musica, con artisti e pubblico insieme, con il desiderio di aggregare pensieri, parole ed anime.

Lasciamo le piazze, i siti archeologici e i sentieri puliti e belli come li abbiamo trovati: depositiamo i rifiuti negli appositi contenitori differenziati o rimettiamoli nello zaino per vuotarlo poi a casa.

RisorgiMarche è un’esortazione a ripartire attraverso la musica, le emozioni, il sorriso, la solidarietà. Si sviluppa grazie alla generosità di grandi artisti del panorama musicale italiano ed internazionale, al lavoro appassionato di molte persone, a cominciare dal suo ideatore Neri Marcorè, e alle sponsorizzazioni di aziende ed enti che lo sostengono economicamente, in maniera del tutto volontaria e con spirito solidaristico, che qui ringraziamo. Non abbiamo la forza né la pretesa di occuparci di ricostruzione materiale, non ci sostituiamo ai compiti della politica e delle amministrazioni: abbiamo scelto quindi di offrire spettacoli, con l’obiettivo e la speranza di richiamare nella nostra regione più gente possibile, per riavviare un flusso vitale di umanità, di turismo, di indotto, laddove il rischio è l’abbandono, l’impoverimento di un territorio bellissimo. Dopo cinque straordinarie edizioni, confidiamo in una rinnovata partecipazione del pubblico, al quale non si chiede altro che di rispettare la natura e i princìpi sui quali si fonda RisorgiMarche, oltre a una collaborazione positiva e costruttiva, aiutandoci a superare insieme eventuali mancanze o criticità, col costante obiettivo di agire nel meglio possibile per chi sta attraversando gravi difficoltà.

Dove

È un festival ecosostenibile, in luoghi sicuri, accessibili e agibili, scelti sulla base della bellezza e della coerenza con il progetto complessivo, senza luci artificiali, con gli artisti che suonano a contatto con il pubblico nei borghi, nei siti archeologici e in scenari aperti e rappresentativi.

Come/Biglietti

La partecipazione agli eventi a pagamento  prevede due modalità di acquisto, a libera scelta dell’utente:
Biglietto Solidale € 5
Biglietto Sostenitori € 20

 

Come/Mobilità

Le aree dei concerti saranno raggiungibili dopo aver parcheggiato il proprio mezzo a motore sulla pubblica via, rispettando il Codice della Strada.

Si fa presente che RisorgiMarche non è responsabile di eventuali infortuni e/o danni alle persone e/o cose lungo il tragitto per il raggiungimento del luogo dell’evento e che questa responsabilità viene assunta totalmente dai partecipanti.

Modalità ideale
Il modo ideale di partecipare è quello di partire presto per recarsi nel luogo del concerto, visitare i borghi, fare nuovi incontri ed amicizie, apprezzare i prodotti enogastronomici locali, acquistare i prodotti degli artigiani, per poi spostarsi verso il luogo del concerto. L’invito è anche quello di pernottare nella zona, prenotando in anticipo.

Quando

Giugno/Agosto/ Settembre 2022: controllare il calendario in questo sito.
A fine concerto vi chiediamo di collaborare nell’abbandonare il luogo senza assembrarvi, dando la precedenza ai disabili motori.
I luoghi dei concerti e le modalità di accesso possono variare: verificate sempre il programma sul sito e sui nostri social.

In caso di forti precipitazioni il concerto verrà annullato o eventualmente rinviato.

Le Escursioni Guidate

Le escursioni guidate (itinerari di difficoltà “E” escursionistica), che verranno effettuate all’alba o al tramonto con il supporto delle Guide alpine e Accompagnatori di media Montagna del Collegio delle Marche, hanno come destinazione il luogo del concerto, un’occasione anche per visitare le zone circostanti prima o dopo l’evento. Durante l’escursione e il concerto non è consentito portare animali.

Per i concerti escursione all’alba o al tramonto indossate l’abbigliamento adeguato per una camminata in montagna, scarpe comode, abbigliamento da trekking, copricapo. Vi consigliamo di inserire nel vostro zaino acqua a sufficienza, cibo, occhiali da sole, magliette di ricambio, giacca a vento impermeabile con cappuccio (in caso di pioggia), crema protettiva solare, asciugamano, plaid o cuscino per sedersi sul prato e una lampada/torcia a batterie portatile.

Il progetto Daiana Lou nasce dall’unione e dall’amore tra due musicisti, Daiana e Luca, provenienti da esperienze musicali differenti che nel corso del tempo sono diventate, fondendosi e arricchendosi, la loro reale particolarità. Luca cresce come chitarrista blues mentre Daiana è una cantante di scuola R&B e reggae. Dal 2013 hanno intrapreso un percorso inedito, ispirandosi a sonorità intense, mai banali e molto diverse tra loro, riuscendo a far convivere un angelo malinconico come Jeff Buckley con la sensuale ed impetuosa Selah Sue, grazie alla fantastica qualità che dimostrano durante le esibizioni dal vivo. Daiana Mingarelli e Luca Pignalberi sono i volti e le anime che si celano dietro al progetto Daiana Lou. Una storia d’amore che è stata capace di unire due percorsi musicali molto diversi tra loro, dando vita ad uno stile originale proprio grazie al forte contrasto dei loro caratteri artistici. I Daiana Lou si formano nell’aprile 2013. Si conoscono ad una Jam Session blues nella quale si trovano, per puro caso, sul palco insieme nel momento in cui i musicisti si stavano scambiando. Raccontano proprio loro quanto quel primo incontro sia stato magico ed intenso. Iniziano a suonare immediatamente con una band completa e si cimentano in un repertorio rhythm and blues per circa un anno e mezzo. L’idea di fare della musica il loro unico mestiere diventa sempre più reale per Luca e Daiana tanto che decidono di provare ciò che entrambi più interpretano come arte: l’attività di artisti di strada. Iniziano a Roma e, complice il riscontro che hanno nel proporre brani internazionali, decidono di testare la piazza tedesca durante una vacanza a Berlino, che in breve tempo diventa la base della loro attività da buskers. In terra tedesca arriva un crescendo immediato di consensi, facendo alternare all’attività in strada, molti eventi live anche prestigiosi come il Melodica Festival Berlin, importante rassegna internazionale con band provenienti da tutto il mondo. Ma è in strada che i Daiana Lou trovano la loro dimensione, con un’offerta musicale che grazie alla libertà e alla contaminazione diventa la loro cifra stilistica che lo scorso Settembre li ha fatti scegliere da Alvaro Soler come una delle tre band della decima edizione di X-Factor Italia che ha permesso al duo di farsi conoscere dal grande pubblico. Emblematica la loro cover durante il secondo live del programma nel quale il duo ha reinterpretato la canzone “Running with the wolves” della cantante norvegese Aurora. Durante il quarto live show del programma di Sky, i Daiana Lou decidono di autoeliminarsi in diretta nazionale esprimendo la loro difficoltà caratteriale ed artistica di adeguarsi alle dinamiche televisive di un format mediatico che mette a dura prova le emozioni genuine e sincere di ragazzi che vogliono semplicemente fare musica.

Propezzano

Propezzano fa parte del comune di Montegallo,  un comune italiano di 523 abitanti, in provincia di Ascoli Piceno.  La frazione o località di Propezzano dista 3,80 chilometri dal medesimo comune di Montegallo di cui essa fa parte.

Le più grandi attrazioni del territorio di Montegallo sono rappresentate sicuramente dalle bellezze paesaggistiche e naturalistiche della zona con vista spettacolare sui Sibillini.

Oltre alle bellezze naturali sono presenti anche molti luoghi di interesse storico, artistico e religioso. La frazione è formata da vari nuclei abitativi posti ai margini della strada e nella parte più alta di uno di questi sorge la Chiesa della Madonna delle Grazie del 1700.