RAMIN BAHRAMI – Risorgimarche

RAMIN BAHRAMI

“Cari amici del Camerino Festival,

per il mio ritorno a Camerino, città che amo molto, ho scelto come tema la nostalgia, in particolare quella di una grande civiltà, che ha conosciuto la decadenza ed è forse perduta. Tutti i compositori con i loro capolavori assoluti presenti in questo programma avvertivano già nella propria epoca questo sentimento così attuale e nobile, così presente anche fra noi in questo susseguirsi di diversi stati d’animo e preoccupazioni. Partendo dalla Partita n.1 di Johann Sebastian Bach e poi la meravigliosa e sottile Sonata K32 di Domenico Scarlatti, proseguo con alcuni Intermezzi Op. 118 di Johannes Brahms, una sorta di testamento musicale dell’ultimo periodo del grande amburghese, per giungere alla seducente, focosa e sensuale Sonata “Patetica” di Beethoven, realmente un’opera piena di pathos e sentimento. Superati i gravi problemi di questa terra martoriata dal sisma e quelli recentissimi legati alla pandemia, sono veramente felice di ritornare a suonare per voi, in una sorta di “rinascita” piena speranza per tempi più lieti per tutti.

RAMIN BAHRAMI pianoforte

Johann Sebastian Bach Partita n. 1 in si b maggiore, BWV 825
Domenico Scarlatti Tre Sonate: K 32, K 389, K159
Johann Sebastian Bach Concerto Italiano BWV 971
Johannes Brahms Klavierstucke op. 118
Ludwig van Beethoven Sonata “La Patetica” n.8 op 13 in do minore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *